Gordon torna alla vittoria

Gordon.JPG

47 gare, un anno, cinque mesi e 23 giorni dopo la sua ultima vittoria, Jeff Gordon è ritornato a frequentare la Victory Lane domenica nella Samsung 500 al Texas Motor Speedway. Una striscia di 47 gare senza vittoria avevano fatto sorgere il dubbio se Gordon fosse ancora un pilota vincente, e se il tempo dei trionfi fosse definitivamente finito. Questa striscia negativa si è conclusa nel più improbabile dei luoghi per Gordon. L’ovale da un miglio e mezzo del Texas era uno degli unici due tracciati, insieme all’Homestead Miami Speedway, dei 22 che fanno attualmente parte del calendario della Sprint Cup, dove Gordon non era ancora riuscito a vincere. Ancora di più, il Texas Motor Speedway è l’unica pista in cui Gordon è finito 43o  (e quindi ultimo) in una corsa della sua carriera, ed è successo due volte (l’ultima l’anno scorso).

Quanto ironica è questa situazione?“, ha detto Gordon in Victory Lane. “Concludere questa lunga striscia perdente proprio qui in Texas, un luogo che ci era sfuggito per tanto tempo. Oggi c’è stato un incredibile lavoro di squadra. L’intero anno è stato finora così. Non avevo mai avuto una macchina come questa in Texas“.

 

È come la prima volta che ho vinto“, ha affermato Gordon. “E’ stata una lunga striscia. Ci sono stati molti alti e bassi e tempi difficili, non solo qui in Texas. Non ricordo nemmeno quanto sia passato, penso che siano 46, 47 gare. Ma sapevo che stava per arrivare finalmente una vittoria.” Il pilota di Hendrick ha detto di non aver mai dubitato che sarebbe stato in grado di trasformare il suo ottimo stato di forma in una vittoria. “So che abbiamo avuto alcune occasioni che ci sono sfuggite la scorsa stagione, anche se comunque non abbiamo avuto una grande annata,” ha detto Gordon. “Ma sapevamo che prima o poi saremmo riusciti a portare a casa la vittoria. Il segreto per fare in modo che questo accadesse era di continuare a spingere a fondo e andare avanti. Nelle ultime 10 gare abbiamo fatto dei grandi miglioramenti, grazie alla ristrutturazione dello staff che si occupa della mia macchina da parte di Steve Letarte, il mio crew chief.”

 

Gordon2.JPGGordon ha aggiunto che la fiducia dei suoi meccanici era molto alta dopo il buon inizio di stagione, e questo lo ha incoraggiato che la striscia perdente potesse presto avere fine. “Era un po’ di tempo che vedevo una luce diversa nei loro occhi. Si poteva vedere come stessero dando qualcosa di diverso da quello che erano soliti dare“, ha detto. “Non che lavorassero di più, semplicemente lo facevano in modo differente. I ragazzi hanno sempre pensato positivo. Quando hai questo, quando hai alle tue spalle una grande squadra che lavora bene insieme, in cui ognuno crede nell’altro, i risultati vengono quasi da soli, e tutto ciò che ci mancava era la vittoria.”

 

Gordon sa che quello che ha passato è una cosa naturale in un mondo competitivo come quello della NASCAR, anche per un pilota da record come lui. “Se fai parte di questo sport abbastanza a lungo, se hai avuto successo o no, tu sai che andrai incontro ad alti e bassi. Noi abbiamo avuto alcune delle migliori stagioni nella storia di questo sport, e alcuni momenti difficili“, ha detto. “Quando si hanno delle aspettative così elevate come nel nostro caso è possibile passare da periodi positivi, con tutte le vittorie che abbiamo ottenuto, a periodi in cui non si vince e si deve sentire ogni giorno, ogni settimana, ‘quando vincerete?’, ‘quando vincerete?’, e allora ci si sente come se non si avesse mai vinto una gara.”

 

Ma oltre alla vittoria in Texas, altri numeri testimoniano il grande inizio di stagione di Gordon. Quello di domenica è stato il suo sesto arrivo consecutivo tra le prime sei posizioni, in sette gare di Sprint Cup disputate fino ad oggi. Tutto ciò gli consente di comandare la classifica del campionato con 162 punti di vantaggio sul compagno di squadra e campione in carica Jimmie Johnson. La vittoria di domenica è stata inoltre la vittoria numero 82 della sua carriera. Solo cinque piloti in 60 anni di storia della NASCAR hanno vinto di più: Richard Petty, David Pearson, Bobby Allison, Darrell Waltrip e Cale Yarborough. Presto Gordon sarà terzo, essendo ad una sola vittoria di distanza da Yarborough e a due da Allison e Waltrip. Probabilmente ci riuscirà in questa stagione.

Il suo incredibile inizio di stagione, la sua determinazione a rompere la sua striscia senza vittorie e ad inseguire il quinto campionato della carriera hanno fatto salire ancora di più le aspettativa su Gordon, e il fatto di aver vinto in una pista così negativa per lui come quella del Texas non fa che aumentare questa considerazione. A riconoscerlo è pure il suo compagno di squadra, il tre volte campione Jimmie Johnson. “Il suo successo in questo inizio d’anno mi sembra che abbia rafforzato della fiducia all’interno della sua equipe,” ha detto Johnson. “Avevano la giusta attrezzatura. Avevano la qualità. Bisognava solo mettere queste cose assieme. Adesso hanno colpito e non si fermeranno.”

Gordon torna alla vittoriaultima modifica: 2009-04-09T18:57:00+02:00da straygor
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento