NASCAR – Atlanta: Busch spezza la striscia di Johnson

Si è rivelata una gara molto vivace la Kobalt Tools 500 disputata sull’Atlanta Motor Speedway. Tra incidenti e forature, a vincere è stato Kurt Busch, alla seconda vittoria consecutiva nella gara di marzo in Georgia. Kurt Busch è riuscito a difendersi negli ultimi giri dagli assalti di Matt Kenseth e Juan Pablo Montoya nel secondo ‘green-white-checkered finish’ della giornata e a conquistare la sua prima vittoria della stagione. La gara è durata 341 giri invece dei 325 in programma a causa di due incidenti nel finale. Il primo ha sicuramente attirato di più l’attenzione. Carl Edwards, che era doppiato di 156 giri, ha deliberatamente tamponato Brad Keselowski. La vettura n.12 si è girata e sollevata in aria a circa 300 kmh, schiantandosi contro le barriere. Il pilota è sceso incolume dalla vettura, mentre la NASCAR ha ordinato ad Edwards di ritirarsi immediatamente, ed adesso sono attese ulteriori decisioni. “Avrebbe potuto uccidere qualcuno in tribuna“, ha commentato Keselowski. I due piloti avevano avuto un incidente all’inizio della gara dopo un restart. La gara è ripresa con un primo tentativo di ‘green-white-checkered finish’, ma un contatto tra Jamie McMurray e Clint Bowyer, che ha coinvolto altre cinque vetture, ha azzerato tutto. Busch e Montoya erano già risaliti dal quarto e quinto posto in cui erano scivolati dopo che all’ultimo pit stop avevano cambiato quattro gomme invece delle due degli stessi McMurray e Bowyer, e di Paul Menard. “E’ stata una grande battaglia per noi“, ha detto Busch. “La nostra macchina era buona sui long run, buona su quelli medi e buona su quelli brevi. Non siamo stati eccellenti in nessuna situazione, ma eravamo costanti in tutte. Sono felice di aver portato a casa questa vittoria per il mio crew chief Steve Addington, per la squadra e per la Dodge. Ottenere questa vittoria all’inizio dell’anno significa molto per noi, e significa molto per le persone che lavorano a Detroit.

Diverse vetture hanno incontrato problemi di pneumatici: le gare di Hamlin, Ragan, Martin, Logano e Robby Gordon sono state rovinate da delle forature. “E’ una di quelle cose che succedono quando si arriva in pista e ci si aspetta di avere dei pneumatico in grado di offrire una gara dura e stressante. Oggi ovviamente non era il caso. Forse siamo stati troppo aggressivi, dobbiamo tornare indietro e analizzare tutto ciò che è successo. L’unica cosa che puoi fare quando ti si presentano questi problemi è andare piano”, questo il commento di Jeff Gordon. Jimmie Johnson, reduce da due vittorie in California e Las Vegas, è stato rallentato da un brutto pit stop e da un contatto con Ryan Newman ed ha concluso 12°. Se avesse vinto, sarebbe stato il primo pilota a vincere tre gare consecutive dal 2007. Quarto al traguardo Kasey Kahne, che si è alternato in testa per tutta la gara con Busch prima che un pit stop più lento lo facesse scivolare indietro. A sorpresa, Menard ha chiuso al quinto posto e A.J. Allmendinger al sesto, portando così insieme a Kahne le tre vetture del Richard Petty Motorsports tra i primi sei, miglior risultato da quando il team è passato dalla Dodge alla Ford alla fine dello scorso anno. “Oggi mi sentivo veramente bene. La macchina è stata veloce e terminare nella top5 è un ottimo modo per iniziare l’anno. I ragazzi hanno fatto un grande lavoro nella off-season e hanno migliorato molto le nostre auto”, ha commentato Menard. Il polesitter Dale Earnhardt Jr ha perso il comando della gara sin dal primo giro, ma era comunque rimasto nelle prime posizioni finché un problema ad un pneumatico lo ha costretto ai box al giro 114, in regime di bandiera verde. Il pneumatico non è però risultato forato, e a la causa del problema non è stata immediatamente chiara. Earnhardt Jr ha terminato al quindicesimo posto. 34° invece Max Papis, ancora una volta qualificato.

Classifica finale:

Pos

St

No

Driver

Make

Points

Bonus

Laps

Status

1.

11

2

Kurt Busch

Dodge

190

5

341

Running

2.

14

17

Matt Kenseth

Ford

170

341

Running

3.

3

42

Juan Montoya

Chevrolet

170

5

341

Running

4.

6

9

Kasey Kahne

Ford

170

10

341

Running

5.

23

98

Paul Menard

Ford

160

5

341

Running

6.

25

43

A.J. Allmendinger

Ford

150

341

Running

7.

26

83

Brian Vickers

Toyota

146

341

Running

8.

13

16

Greg Biffle

Ford

142

341

Running

9.

35

29

Kevin Harvick

Chevrolet

138

341

Running

10.

32

82

Scott Speed

Toyota

134

341

Running

 

Classifica del campionato:

Pos

Driver

Points

Starts

Wins

Top 5

Top 10

1.

Kevin Harvick

644

4

0

2

4

2.

Matt Kenseth

618

4

0

2

4

3.

Greg Biffle

585

4

0

1

4

4.

Jimmie Johnson

570

4

2

2

2

5.

Clint Bowyer

558

4

0

1

3

6.

Jeff Burton

538

4

0

1

1

7.

Mark Martin

521

4

0

2

2

8.

Tony Stewart

510

4

0

0

2

9.

Paul Menard

505

4

0

1

1

10.

Kurt Busch

502

4

1

1

2

11.

Jeff Gordon

482

4

0

1

1

12.

Scott Speed

482

4

0

0

Una fase di corsa:

La foratura di Martin:

Il volo di Keselowski:

L’incidente nel finale:

Kurt Busch:

NASCAR – Atlanta: Busch spezza la striscia di Johnsonultima modifica: 2010-03-08T11:53:58+01:00da straygor
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento