IndyCar – Power al top anche al sabato

Will Power domina anche il sabato e conquista la pole position per Honda Grand Prix of St.Petersburg. il pilota del Team Penske è risultato il più veloce in tutte le sessioni di prove libere e in due delle tre fasi di qualifica. Col tempo di 1:01.6026 il pilota australiano ha così conquistato la terza pole position in carriera. “Finora è stato un buon weekend per il Team Penske“, ha detto Power. “Siamo ancora davanti e quindi sono molto felice. Abbiamo lavorato in modo da superare ogni sessione senza sprecare troppi pneumatici. Dopo quello che abbiamo fatto nelle libere, saremmo stati delusi se non avessimo ottenuto la pole.Tony Kanaan ha dato all’Andretti Autosport la sua prima partenza in prima fila dall’estate 2008, ottenendo il secondo tempo con quasi tre decimi di distacco da Power; Scott Dixon ha conquistato il terzo posto. “Era un po’ di tempo che non partivo in prima fila“, ha detto Kanaan. “Penso che abbiamo fatto un grande lavoro. Abbiamo fatto una scommessa sulle gomme. Siamo usciti con le nere nella Fast Six e questo ha pagato. E’ bello avere Michael Andretti come race strategist. Io volevo iniziare con le rosse, ma lui mi ha fermato. E non si può dire di no al capo. Allora ho detto: ‘Va bene, andiamo con le nere’. C’è una atmosfera completamente diversa quest’anno. Me la sto godendo. Speriamo che nessuno mi colpisca da dietro come in Brasile e di essere in grado di fare una buona gara.” La sorpresa di queste qualifiche è arrivata nella prima fase, in cui i primi 12 avanzano alla seconda: ben due dei favoriti sono rimasti fuori. Dario Franchitti (Ganassi) e Ryan Briscoe (Penske) hanno avuto entrambi una sessione di qualifica disastrosa e domani partiranno rispettivamente in tredicesima e diciannovesima posizione. “Avevamo fatto qualche buon giro e la macchina non era affatto lenta” ha detto Franchitti. “Ryan (Briscoe) ha avuto alcuni problemi e io me lo sono trovato davanti in curva 8. E’ stata sfortuna. I ragazzi hanno fatto un buon lavoro dopo l’incidente nelle libere di ieri.Justin Wilson, Helio Castroneves e Marco Andretti hanno completato la Firestone Fast Six, e partiranno rispettivamente quarto, quinto e sesto. Ryan Hunter-Reay (Andretti Autosport) è stato eliminato dalla Fast Six in extremis da Castroneves e partirà settimo, al fianco di Alex Tagliani, che continua ad impressionare con il suo nuovo FAZZT Race Team. EJ Viso (KV) e Mike Conway (Dreyer&Reinbold) completano la top ten. Graham Rahal, che corre in questo fine settimana per il Sarah Fisher Racing, partirà sedicesimo.

Griglia di partenza:

Pos Car Driver Team Time Speed
1. 12 Will Power Team Penske 1:01.603 105.190
2. 11 Tony Kanaan Andretti Autosport 1:01.880 104.719
3. 9 Scott Dixon Chip Ganassi Racing 1:02.082 104.378
4. 22 Justin Wilson KV Racing Technology 1:02.199 104.181
5. 3 Helio Castroneves Team Penske 1:02.212 104.160
6. 26 Marco Andretti Andretti Autosport 1:02.346 103.936
7. 37 Ryan Hunter-Reay Andretti Autosport 1:01.898 104.689
8. 77 Alex Tagliani FAZZT Race Team 1:01.969 104.568
9. 8 E.J. Viso KV Racing Technology 1:01.981 104.549
10. 24 Mike Conway Dreyer & Reinbold Racing 1:02.043 104.443
11. 5 Takuma Sato* KV Racing Technology 1:02.420 103.812
12. 06 Hideki Mutoh Newman/Haas/Lanigan Racing 1:02.511 103.661
13. 10 Dario Franchitti Chip Ganassi Racing 1:02.194 104.189
14. 78 Simona De Silvestro* Team Stargate Worlds/HVM 1:02.449 103.764
15. 4 Dan Wheldon Panther Racing 1:02.256 104.087
16. 67 Graham Rahal Sarah Fisher Racing 1:02.504 103.673
17. 14 Vitor Meira A.J. Foyt Enterprises 1:02.269 104.065
18. 34 Mario Romancini* Conquest Racing 1:02.737 103.289
19. 6 Ryan Briscoe Team Penske 1:02.321 103.979
20. 32 Mario Moraes KV Racing Technology 1:02.829 103.136
21. 7 Danica Patrick Andretti Autosport 1:02.490 103.696
22. 19 Alex Lloyd* Dale Coyne Racing 1:03.479 102.081
23. 2 Raphael Matos de Ferran Luczo Dragon Racing 1:03.014 102.834
24. 18 Milka Duno Dale Coyne Racing 1:08.506 94.591
IndyCar – Power al top anche al sabatoultima modifica: 2010-03-27T21:27:38+01:00da straygor
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento