Alti e bassi per Danica

Le ultime due gare hanno riportato Danica Patrick nelle posizioni che le spettano. Dopo un mese di Maggio passato nelle retrovie e dichiarazioni che hanno provocato addirittura i fischi dei fan, la Patrick ha disputato un’ottima 500 Miglia di Indianapolis, conquistando il sesto posto, ma in Texas ha fatto ancora meglio, chiudendo al secondo posto dopo essere stata una seria contendente per la vittoria (mentre il sesto posto di Indy era sembrato più estemporaneo e frutto di una tattica azzeccata). Quella di sabato è stata probabilmente una delle sue migliori gare in carriera, forse anche migliore di quella a Motegi nel 2008 che le ha regalato la prima (e finora unica) vittoria. E’ partita ottava, ha perso qualche posizione all’inizio per poi risalire piano piano, posizione su posizione. Abbiamo avuto un buon weekend lo scorso fine settimana ad Indy ed abbiamo avuto un buon weekend qui in Texas“, ha commentato la Patrick. “A volte i piccoli successi che si hanno durante la stagione non sono necessariamente evidenti in pista. A volte si manifestano sotto altri aspetti, per poi mettere tutto assieme per il giorno della gara. Ho lavorato duro tutta la stagione. E’ molto bello ottenere un risultato che mostri quanto duramente ho lavorato e quanto duramente ha lavorato il team. I progressi del team l’hanno sicuramente aiutata: tutte e quattro le vetture dell’Andretti Autosport hanno concluso tra le prime sette: Danica seconda, Marco Andretti terzo, sesto è giunto Tony Kanaan e settimo  Ryan Hunter-Reay.

Tra Danica e la vittoria si è messo in mezzo un redivivo Ryan Briscoe, anche lui autore finora di un inizio di stagione deludente. L’australiano ha finalmente corso una gara come si deve: in testa (dopo essere partito dalla pole position) nei primi giri, ha fatto poi sfogare Franchitti, ed infine si è ripreso la leadership a circa metà gara per non lasciarla quasi più. Bello il testa a testa dopo l’ultimo pit stop con la Patrick. Era chiaro che Danica Patrick era la beniamina della maggioranza dei tifosi sabato notte, ma Briscoe non si è lasciato intimidire.Sono sorpreso che nessuno abbia gettato niente contro di me“, ha scherzosamente commentato Briscoe.  La vittoria per Briscoe è arrivata al momento giusto, visto che puntualmente si era alzate voci su un suo possibile avvicendamento a fine anno. Il pilota australiano necessita ora di continuare questo suo momento positivo. Meno contento del suo weekend è stato il compagno di squadra Helio Castroneves, furioso con Mario Moraes dopo il loro incidente al giro 129. Castroneves ha sostenuto di avere la “precedenza” trovandosi sul lato alto della pista, mentre Moraes ha risposto dicendo che il suo spotter non lo ha avvertito che aveva una vettura sulla parte esterna, polemizzando comunque con il connazionale: E’ Helio Castroneves, non fa errori“, ha detto nelle interviste del post gara. Intanto continua la stagione molto dispendiosa per il KV Racing Technology, ancora una volta con due vetture a muro (Moraes e Sato), mentre perlomeno EJ Viso ha disputato una buona gara, non premiata da un buon risultato (undicesimo, dopo aver corso anche nella top 5).

La gara in Texas sarà ricordata però soprattutto per il ritorno di un protagonista che sembrava estintosi dal mondo delle corse: il fuoco. La vettura di Simona de Silvestro si è infatti incendiata subito dopo essere finita a muro. La cosa che ha fatto infuriare un po’ tutti, specialmente il team della De Silvestro, è stata la poca prontezza con cui i commissari sono intervenuti. Alla fine, grazie all’intervento eroico di un commissario che si è gettato tra le fiamme per aiutarla, la De Silvestro se l’è cavata con nulla, qualche bruciatura sulle mani che non le impediranno di correre la prossima gara, ma certo la figura fatta dal resto dei commissari non è stata esattamente grandiosa. LaIZOD IndyCar Series deve ridurre al minimo le probabilità che un incendio del genere si ripeta, ma soprattutto dovrà garantire che un episodio di disorganizzazione come quello mostrato dai commissari non si ripeta più, e tornino ad essere quell’esempio di professionalità e rapidità che sono sempre stati.

Alti e bassi per Danicaultima modifica: 2010-06-08T17:02:23+02:00da straygor
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento