IndyCar – Rahal e Briscoe i due free agent più ambiti del mercato 2013

sport, motori, izod indycar series, ganassi, penske, rahal, briscoe, bourdais, guerrieri, filippi, allmendinger, barrichello, sato

La stagione della IZOD IndyCar Series si avvia alla sua conclusione (mancano 4 gare alla fine della stagione) e già si cominciano a fare i conti con il prossimo mercato piloti. Al momento una dozzina di piloti hanno il contratto assicurato per la prossima stagione: Dario Franchitti e Charlie Kimball con Ganassi, Will Power con Penske, James Hinchcliffe e Marco Andretti con l’Andretti Autosport, Tony Kanaan con il KV Racing, Simon Pagenaud con il Schmidt Hamilton Motorsports, JR Hildebrand al Panther Racing, Josef Newgarden al Sarah Fisher, Simona de Silvestro all’HVM Racing, Katherine Legge al Dragon Racing ed Ed Carpenter con il proprio team. Altri top driver sono sul punto di finalizzare i loro accordi: Ryan Hunter-Reay è in trattativa per il rinnovo con l’Andretti Autosport, accordo che dovrebbe essere in dirittura d’arrivo anche se sembra ci sia stato l’interesse di un altro top team; Scott Dixon e Helio Castroneves sono sul punto di rinnovare con Ganassi e Penske, mentre sia Alex Tagliani al team di Bryan Herta che Mike Conway con il team Foyt sono sul punto di estendere il loro contratto alla prossima stagione. Al momento, i due free agent più importanti per il prossimo inverno saranno Graham Rahal e Ryan Briscoe. Rahal aveva firmato due anni fa con Ganassi un contratto biennale con opzione per il 2013, opzione che scadeva l’1 Agosto e non è stata esercitato. Le due parti sarebbero quindi in fase di separazione, con il pilota dell’Ohio che, se dovesse rimanere nell’orbita Honda, potrebbe andare a finire sulle seconde vetture del Bryan Herta Autosport and Schmidt Hamilton Motorsports, che entrambi i team sono intenzionati ad aggiungere nel 2013, oppure sulla vettura del Rahal Letterman Lanigan Racing, il team del padre. Briscoe ha un contratto in scadenza nel 2012, e le sue prestazioni poco brillanti seguite al titolo sfiorato nel 2009 (non vince una gara da due anni) lo avevano già messo in dubbio questo inverno. Difficile che, senza una inversione di tendenza nel finale di stagione, la sola pole position ad Indianapolis possa salvarlo. Con le possibili partenze di Rahal e Briscoe si verrebbe così a liberare due sedili molto interessanti (visto che Ganassi ha comunque confermato l’intenzione di continuare a schierare 4 vetture). Il favorito per uno dei due posti sarebbe il 21enne Newgarden, attualmente all’interno di un contratto di tre anni con il Sarah Fisher Hartman Racing. Il campione Indy Lights 2011 ha dimostrato di essere un pilota veloce, aggressivo e a suo agio coi media. Ha bisogno di ottenere alcuni buoni risultati, ma sono tutti convinti che abbia il talento e la personalità per diventare una star della IndyCar, e quindi vicino a poter ambire ad uno dei sue sedili. Poi ci sono una serie di outsider che saranno senza contratto, e che potrebbero risultare appetibili anche ai top team per la loro esperienza e per la loro velocità: Sebastien Bourdais, Oriol Servia e Justin Wilson. il pilota francese e il Dragon Racing hanno una opzione di rinnovo che scade due settimane dopo l’ultima gara stagionale a Fontana, ma Jay Penske non è detto che la esercito, soprattutto per motivi economici. Bourdais, che ad inizio dell’anno si è trasferito con la sua famiglia dalla Francia alla Florida, diventerebbe così un altro pezzo pregiato del mercato, e diversi rumors lo vedono al posto di Briscoe al Team Penske. I due piloti del KV Racing, EJ Viso e Rubens Barrichello, sono entrambi due piloti che hanno alle spalle, per ragioni diverse, un buon numero di sponsor, e potrebbero essere due piloti appetibili per le squadre più piccoli, anche se le relazioni che legano Barrichello e Kanaan lasciano presupporre ad un rinnovo del brasiliano con il team di Jimmy Vasser. Altro pilota messo bene con la sponsorizzazione è Takuma Sato. Il giapponese, supportato dalla Honda, potrebbe finire in qualsiasi dei team motorizzati dal costruttore nipponico, compreso quello al team di Chip Ganassi. Ci sono poi da aggiungere i possibili rookie in arrivo dalla Indy Lights o dall’Europa. Esteban Guerrieri, in testa alla classifica in Indy Lights, era già stato dato vicino al KV Racing quest’inverno, prima che firmassero Barrichello, e il fatto di essere supportato da un buon numero di sponsor (compreso il governo argentino, a quanto sembra), a cui si aggiungerebbe l’eventuale titolo nella categoria cadetta, gli dovrebbe aprire le parte della IndyCar. Bryan Clauson potrebbe prendere il posto nel team di Sarah Fisher di Newgarden se quest’ultimo emigrerà verso altri lidi, più prestigiosi. Sebastien Saavedra ha già corso una stagione in IndyCar con il Conquest Racing nel 2011, ora ha fatto un passo indietro ma è entrato nell’orbita di Andretti e non è detto che la partnership AFS Racing/Andretti Autosport non possa ampliarsi nel 2013. Luca Filippi era già dato in IndyCar quest’anno con Rahal, poi non se ne è fatto niente, ma adesso potrebbe rientrare nel programma che sta allestendo la Scuderia Coloni per un possibile passaggio oltreoceano. Potrebbero poi sempre spuntare nomi a sorpresa, specialmente tra coloro che non riescono a fare il salto della GP2 alla Formula 1 ma che possono comunque garantire un minimo di budget e quindi interessare alle squadre più piccole, come ad esempio nel caso di Max Chilton, attualmente settimo in GP2 e impossibilitato a portare tutti i 15 milioni di dollari che la Marussia gli ha chiesto per passare in Formula 1. Dalla NASCAR potrebbe infine arrivare AJ Allmendinger. Il 31enne pilota americano, che in passato corse nella ChampCar, si è separato di recente dal Team Penske con cui correva in NASCAR per aver fallito i controlli antidoping, ed adesso starebbe guardando ad un ritorno alle corse su monoposto. Allmendinger è socio di Michael Shank in GrandAm, e non escluso che i due possano approfondire questa partnership che permetterebbe a Shank di entrare in IndyCar, operazione che non gli è riuscita quest’anno. Nei giorni scorsi si era però parlato anche di una trattativa tra Allmendinger e Foyt per unire le forze nel 2013.

IndyCar – Rahal e Briscoe i due free agent più ambiti del mercato 2013ultima modifica: 2012-08-03T11:14:33+02:00da straygor
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento