IndyCar – Niente Briscoe e Conquest Racing nel 2013

sport, motori, izod indycar series, briscoe, wilson, coyne, conquest, alms, grand am, beatriz

Con l’avvicinarsi dell’inizio della stagione 2013 della IZOD IndyCar Series, i posti disponibili si stanno tutti completando. Clamorosamente, potrebbe restare fuori il poleman dell’ultima 500 Miglia di Indianapolis Ryan Briscoe. Il pilota australiano durante l’inverno era stato dato vicino a diverse squadre (Foyt, Dragon, Schmidt, Ganassi, Andretti), ma per una ragione o per l’altra nessun accordo è andato in porto. Briscoe si ritrova così a piedi ed alla ricerca di un posto per questa stagione. “Le opportunità sono in diminuzione, ma la mia priorità resta la IndyCar“, ha dichiarato Briscoe. “È lì che voglio essere prima di tutto. Stiamo ancora lavorando sodo per far accadere qualcosa, ma al di fuori di questo, abbiamo siamo sempre interessati a fare altro. Mi piacerebbe disputare nuovamente la 12 Ore di Sebring, mi piacerebbe correre in ALMS o in Grand-Am. Ho sempre voluto correre a Le Mans e in altre importanti gare endurance, quindi sono disponibile per l’occasione giusta. E a questo punto, ad un mese dall’inizio della stagione IndyCar, naturalmente siamo fiduciosi che qualcosa accadrà, ma stiamo guardando a ciò che l’ALMS o la Grand-Am possa offrirmi.” Per quanto riguarda gli ultimi posti disponibili, il Dale Coyne Racing deve ancora ufficializzare i suoi due piloti. Justin Wilson sarà il pilota di punta anche quest’anno, ha effettuato tutti i test invernali e sarà in pista pure la prossima settimana a Sebring, mentre per la seconda vettura si parla di un programma diviso tra due piloti. Ana Beatriz sarebbe la favorita per correre sugli ovali (più la gara in Brasile). Niente da fare invece per il Conquest Racing, che quest’anno si concentrerà solo sul programma endurance. “Le cose sono andate male con il programma IndyCar, così ho deciso di uscirne“, ha detto Eric Bachelart, proprietario del team. “Sono stato nel mondo delle corse a ruote scoperte per 15 o 16 anni, e per me è iniziato a girare male quando Randy (Bernard) è arrivato e ha deciso che voleva il meglio del meglio, e io non ero parte di quel ‘meglio del meglio’. Il mio cuore è ancora in IndyCar. Il programma IndyCar è diventato un po’ nebuloso, non vedo la fine del tunnel, quindi mi fermo per ora. Ma non vuol dire che non tornerò. Una volta che so dove la serie sta andando e quello che la nuova dirigenza vuole fare, vedrò di tornare. Ho la passione e il desiderio di tornare. Ma non posso dire quando sarà.”

IndyCar – Niente Briscoe e Conquest Racing nel 2013ultima modifica: 2013-02-15T14:43:28+01:00da straygor
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento