IndyCar – I fratelli Wilson insieme con Dale Coyne

IZOD IndyCar Series, Wilson, Coyne, Barber, Beatriz, sport, motori

Non c’è stato ancora l’annuncio ufficiale, ma è ormai certo che saranno due i Wilson che prenderanno parte alla stagione 2013 della IZOD IndyCar Series con il Dale Coyne Racing. Ad affiancare Justin arriverà infatti, per le gare sui circuiti stradali e cittadini, il fratello Stefan. Il 23enne pilota inglese scenderà in pista nella seconda giornata dei test prestagionali in programma il 12 e 13 Marzo sul Barber Motorsports Park, mentre il primo giorno la vetturà sarà guidata da Ana Beatriz, che correrà invece le gare su ovale più quella sul cittadino di San Paolo. “La possibilità di avere mio fratello in gara in IndyCar con me è molto eccitante“, ha detto Justin. “Si spera che tuo fratello faccia bene, ma allo stesso tempo devo rimanere concentrato e guidare come sempre, facendo del mio meglio e non distraendomi per aiutare mio fratello. Lui ha uno sponsor che lo vuole vedere in pista e l’ho detto a Dale, che ha risposto: ‘OK, forse si può fare.’ Non ho mai gareggiato contro di lui in qualcosa che non fossero cinque minuti su un go-kart.” Stefan Wilson ha disputato 32 gare in Indy Lights, vincendone due (Toronto e Kentucky 2011). Nel 2012 season ha corso soltanto l’ultima prova stagionale con il Fan Force United, finendo sesto sull’Auto Club Speedway. “E’ stato un lungo anno a stare seduto per tutta la stagione, guardando gli altri correre“, ha detto Stefan. “Questo mi ha dato la spinta per lavorare ancora di più per ottenere qualcosa nel 2013. Non ero contrario a fare un altro anno di Indy Lights. In effetti, era quello che cercavo anche l’anno scorso. Vincere due gare e il terzo posto in campionato nel 2011 ha dimostrato che avrei potuto competere a questo livello. Penso che molti pilota che erano competitivi in Indy Lights hanno dimostrato che si può fare il salto in IndyCar e avere successo.”

IndyCar – I fratelli Wilson insieme con Dale Coyneultima modifica: 2013-03-12T08:22:39+01:00da straygor
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento