2014 Indy Lights Preview

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Insieme alla IndyCar, parte domenica a St.Petersburg anche il campionato Indy Lights. Una stagione di transizione quella della categoria propedeutica americana, in vista delle nuove vetture che arriveranno nel 2015 e che saranno sempre firmate da Dallara. Il calendario prevede 14 gare, molte delle quali saranno appuntamenti doppi. 11 i piloti attesi al via per l’intera stagione. Lo Schmidt Peterson Motorsports ha vinto gli ultimi 4 campionati (e 7 degli ultimi 10), ed è quindi il team favorito di diritto. Interessante la lineup schierata dalla squadra campione in carica: il pilota di maggior esperienza è Juan Pablo Garcia, messicano che corre nella categoria dal 2009 (anche se solo nelle ultime due stagioni a tempo pieno), ma che non ha mai ottenuto un podio; poi c’è il brasiliano Luiz Razia, vicecampione GP2 nel 2013 e che sbarca negli USA con l’intento di approdare in IndyCar; il colombiano Juan Piedrahita, reduce da due stagioni interlocutorie nel campionato Pro Mazda, rappresenta una incognita; dall’Europa arriva pure Jack Harvey, quinto lo scorso anno in GP3 e campione del campionato di F3 Inglese nel 2012. Senza una prima punta stabilita, quest’anno lo Schmidt Peterson Motorsports potrebbe pagare dazio contro l’Andretti Autosport, che presenta invece una coppia di piloti molto interessanti, tra i migliori prospetti dell’automobilismo americano: Zach Veach e Matthew Brabham. Veach, appena ventenne, è alla seconda stagione nella categorie e col team, nel 2013 ha ottenuto un podio ed è atteso al salto di qualità; ma la vera star potrebbe essere Matthew Brabham, figlio di Geoff e nipote del grande Jack, tre volte campione del Mondo di Formula 1. Brabham ha dominato gli ultimi due campionati che ha disputato, la USF2000 nel 2012 e il campionato Pro Mazda nel 2013 (vincendo 13 gare su 16), ed è stato il più veloce nei test prestagionali. Per molti è il favorito numero 1. Tra gli altri, occhio al Belardi Auto Racing, che schiera il vice campione 2013 Gabby Chaves e il francese Alex Baron, che cerca stabilità dopo che lo scorso anno ha corso in tre categorie diverse (2 vittorie in 4 gare nella USF2000). Team storico della categoria, il Team Moore Racing, che schiera il canadese Zack Meyer, mentre tornano a tempo pieno il Bryan Herta Autosport con l’inglese Lloyd Read e il Fan Force United con l’americano Scott Anderson, ma tutti dovrebbero essere poco più che sparring partner.

2014 Indy Lights Previewultima modifica: 2014-03-25T10:18:54+01:00da straygor
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento