IndyCar – Il punto sul mercato

Texas-Motor-Speedway-will-play-host-to-the-Indycar-series-tonight

La stagione 2014 della Verizon IndyCar Series si è chiusa da una decina di giorni e l’inizio di quella 2015 è lontano ancora circa 6 mesi, per questo il mercato non si è ancora acceso. Il nodo focale è probabilmente la situazione riguardante Simon Pagenaud. Il pilota francese, capace di lottare per il titolo negli ultimi tre anni nonostante corresse per un piccolo team come lo Schmidt Peterson Hamilton Motorsports, è in scadenza di contratto e da mesi viene dato prossimo ad un accordo con l’Andretti Autosport grazie anche al supporto della Honda. Pagenaud ha fatto sapere che prenderà una decisione sul suo futuro nel giro di un paio di settimane. Sam Schmidt sta comunque lavorando per rinnovare il suo contratto per il 2015, e sta inoltre aspettando di capire quali sono le condizioni di Mikhail Aleshin e quali possibilità ha il pilota russo di tornare al 100% per la prossima stagione. In casa Andretti Autosport si sta intanto lavorando per vedere se è possible schierare una quinta vettura, così da mantenere tutta la attuale lineup ed aggiungere Pagenaud. Se la quinta vettura di Andretti non dovesse materializzarsi e dovesse perde il posto a favore di Pagenaud, per James Hinchcliffe si sono aperte in questi giorni le porte del Ganassi Racing. La squadra e Ryan Briscoe non sarebbero infatti intenzionati a continuare il rapporto dopo una stagione avara di soddisfazioni, e così il sedile della vettura n.8 sarebbe vacante, anche se il favorito naturale per quel posto sarebbe comunque Sage Karam, che fa già parte della squadra per le corse endurance. Difficile che da Ganassi possa finire Pagenaud, che è uomo Honda (Ganassi usa motori Chevrolet). Il pilota australiano potrebbe invece finire al KV Racing, la cui intenzione sarebbe quella di schierare una seconda vettura da affiancare a Bourdais la prossima stagione, aldilà di Saavedra e l’AFS Racing, o tornare alle corse endurance.

Poi c’è la situazione di diversi piloti ancora a piedi, sia veterani che rookie. Tra i veterani, quelli che sembrano più attivi per un possibile ritorno nella serie sono James Jakes e JR Hildebrand. Il pilota inglese, fermo nel 2014 dopo due stagioni al Dale Coyne Racing ed una al Rahal Letterman Lanigan Racing, ha dichiarato di essere al lavoro per mettere insieme qualcosa per la prossima stagione, e la squadra più interessata sarebbe il Bryan Herta Autosport. Per quanto riguarda l’americano la possibilità maggiore dovrebbe essere una terza vettura nel nuovo team di Ed Carpenter e Sarah Fisher, accanto allo stesso Carpenter (e Mike Conway sugli stradali, anche se il suo impegno con la Toyota nelle corse endurance potrebbe metterne in dubbio la riconferma) e a Josef Newgarden. Bisogna vedere se sarà possibile solo per la 500 Miglia di Indianapolis, per qualche gara in più o per tutta la stagione. Due i piloti provenienti dalla GP2 che hanno esplicitamente dichiarato di essere a lavoro per trovare un posto in IndyCar per la prossima stagione: Conor Daly e Daniel Abt, entrambi presenti a Fontana per l’ultima gara del 2014. Per entrambi si tratta soprattutto di trovare il budget necessario per attirare l’attenzione di qualche piccolo team. Daly ha già disputato nel 2013 la 500 Miglia di Indianapolis con l’AJ Foyt Racing, e secondo alcuni rumors potrebbe interessare Sam Schmidt nel caso Aleshin non dovesse recuperare dall’infortunio, o Foyt nel caso non dovesse riconfermare Takuma Sato.

Chi dovrebbe esserci quasi al 100% è  il neo campione Indy Lights Gabby Chaves. La vittoria del titolo garantisce infatti la partecipazione almeno per la 500 Miglia di Indianapolis ed un paio di altre gare, e si tratta adesso di trovare il team che possa schierarlo. La scelta potrebbe cadere sul Dale Coyne Racing, che potrebbe alternarlo con Pippa Mann, già con la squadra quest’anno ad Indy. Per quanto riguarda Luca Filippi, negli ultimi giorni si è parlato di una possibilità al CFH Racing per alternarsi con Carpenter nelle gare sugli stradali nel caso Conway non dovesse essere riconfermato. L’italiano dovrebbe eventualmente giocarsi il posto con Oriol Servia.

IndyCar – Il punto sul mercatoultima modifica: 2014-09-10T15:30:34+02:00da straygor
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento