IndyCar – Aggiornamento di mercato

Firestone 600

Quando mancano meno di due mesi all’inizio della stagione IndyCar ancora diversi protagonisti sono alla ricerca di un volante. Facendo un rapido calcolo restano ancora 7 posti liberi, e tantissimi sono i piloti che stanno cercando di assicurarsi un posto. Chip Ganassi e Sage Karam sono sempre a lavoro per completare il budget per la quarta vettura, operazione che sembra comunque in fase di completamento. L’Andretti Autosport ha almeno un posto libero, forse due: a giocarselo sono Justin Wilson, Zach Veach, Jean-Eric Vergne, Kevin Magnussen. Wilson sembra essere tornato ad essere il favorito per il quarto sedile, mentre gli altri tre potrebbero dividersi la quinta vettura. Sempre alla ricerca del secondo pilota è il KV Racing. Il preferito di Jimmy Vasser sarebbe sempre Wilson, l’alternativa principale è Conor Daly, mentre in Brasile potrebbe essere schierata una terza vettura per Nelson Piquet Jr. tra i free agent ancora a disposizione, la novità principale della settimana riguarda Alex Tagliani, che ha dichiarato possibile che un ritorno in IndyCar. Il canadese è in trattativa con due squadre che gli hanno assicurato che non deve portare soldi per assicurarsi. La trattativa riguarda sicuramente la 500 Miglia di Indianapolis, dove ottenne la pole nel 2011, ma almeno in un caso la trattativa riguarda l’intera stagione. Si può supporre che i due team possano essere il Dale Coyne ed il KV Racing. In calo invece le quotazioni di Ryan Briscoe. Il pilota australiano si sta guardando in giro, ma al momento non sembra avere delle trattative a buon punto e sembra aver rivolto la sua attenzione alle corse endurance, ed intanto ha firmato con la Corvette per disputare la prossima 24 Ore di Daytona. Vitor Meira è invece in trattativa sia con il Bryan Herta Autosport che con l’AJ Foyt Racing per correre la gara di apertura della stagione in Brasile e la 500 Miglia di Indianapolis.

IndyCar – Aggiornamento di mercatoultima modifica: 2015-01-14T10:07:04+01:00da straygor
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento